CALCOLA IL RISPARMIO

Il condominio e l’energia

Quanto consuma il vostro condominio : calcoliamo i consumi con il nostro software Con-Suma

Il programma Con-Suma permette di calcolare con soltanto 15 dati che sono nelle mani del vostro amministratore e che si riferiscono ad esempio all’età del condominio, il comune e il suo indirizzo, il numero di appartamenti, le superfici, l’età della caldaia e il consumo annuo di combustibile, l’età della caldaia e la sua efficienza rilevata dalla certificazione. Con questi pochi dati e la casistica dei numerosissimi condomini nella nostra base dati, possiamo individuare con una precisione molto alta, come si ripartiscono i vostri consumi , cioè quanta energia viene dispersa :
• Attraverso le pareti opache
• Attraverso i serramenti e le tapparelle
• Attraverso il tetto, solai e cantine
• Attraverso le infiltrazioni dell’aria e le finestre
• Attraverso le perdite della caldaia
E proporre delle azioni correttive, graduali e modulari, valutandone di volta in volta, i costi di massima secondo un ventaglio minimo e massimo, i benefici e i risparmi conseguibili. In questo modo sarà possibile per voi fare le valutazioni del caso e decidere se approfondire attraverso un preventivo diretto e personalizzato , ritagliato su misura per la vostra realtà.

Siamo disponibili ad intervenire in assemblea e presentarvi i risultati e lavorare con voi per approfondire fino al massimo livello possibile gli interventi da fare.

Dovete considerare che un condominio di 40-60 anni fa consuma tra 200 e 300 kwh/m² anno , mentre un condominio di 20 anni consuma anche la metà di questo valore, mentre una casa ad alta efficienza energetica può consumare tra 20 e 30 kwh/m² anno. Pensate, il 90% in meno!

Ovviamente non si può trasformare una casa del 1960 in una del 2010 o del 2020, non sarebbe economicamente conveniente… ma si può rendere qualsiasi condominio in classe E-F o G in un edificio B o C , risparmiando fino al 75% del consumo attuale. Ha un costo, ma il 110% è un contributo che vale la pena.

Il Condominio e l’ambiente

Riduciamo l’inquinamento

Il consumo di energia è un costo economico, ma non è il solo. E non è il più importante. Il Covid 19 ci ha insegnato l’immenso valore della salute e della vita umana. Non ce dobbiamo dimenticare…

Consumare energia significa emettere CO² e quindi contribuire al riscaldamento globale. Dobbiamo avere la consapevolezza che nelle case di tutto il mondo, dove abitano i quasi 8 miliardi di esseri umani del pianeta, si consuma il 35% dell’energia globale e si emette per conseguenza il 35% della CO².

È il contributo individualmente più alto tra tutti quello che possiamo contabilizzare sulla terra : più del traffico veicolare, che è al 17%, dei trasporti aerei, navali e ferroviari, che sono al 6%. Delle industrie e della generazione di elettricità che sono intorno al 20% e infine del settore primario, con la deforestazione e gli allevamenti intensivi che ci portano al 100% complessivo.

Non solo nelle case si emette e si consuma il 35% della CO² e delle risorse, ma si produce nel riscaldamento invernale il 45% delle polveri sottili e una parte considerevole della NO². Colpa della combustione e del fatto che il consumo è almeno superiore del 50-60% di quello che potrebbe ragionevolmente essere.
Ridurre i consumi dei condomini della Pianura padana significherebbe ridurre le polveri sottili di cui parliamo ogni anno da novembre ad aprile. Ci farebbe vivere in un ambiente più sano e ridurrebbe la mortalità precoce dovuta alla cattiva qualità dell’aria, dagli 80.000 casi attuali a molto meno.

Quanto meno ? dipenderà da noi. Da quanti condomini risaneremo in modo efficace da oggi in poi.

Condominiopuntozero Riduciamo inquinamento

Il Condominio e l’ambiente

Riduciamo l’inquinamento

Il consumo di energia è un costo economico, ma non è il solo. E non è il più importante. Il Covid 19 ci ha insegnato l’immenso valore della salute e della vita umana. Non ce dobbiamo dimenticare…

Consumare energia significa emettere CO² e quindi contribuire al riscaldamento globale. Dobbiamo avere la consapevolezza che nelle case di tutto il mondo, dove abitano i quasi 8 miliardi di esseri umani del pianeta, si consuma il 35% dell’energia globale e si emette per conseguenza il 35% della CO².

È il contributo individualmente più alto tra tutti quello che possiamo contabilizzare sulla terra : più del traffico veicolare, che è al 17%, dei trasporti aerei, navali e ferroviari, che sono al 6%. Delle industrie e della generazione di elettricità che sono intorno al 20% e infine del settore primario, con la deforestazione e gli allevamenti intensivi che ci portano al 100% complessivo.

Non solo nelle case si emette e si consuma il 35% della CO² e delle risorse, ma si produce nel riscaldamento invernale il 45% delle polveri sottili e una parte considerevole della NO². Colpa della combustione e del fatto che il consumo è almeno superiore del 50-60% di quello che potrebbe ragionevolmente essere.
Ridurre i consumi dei condomini della Pianura padana significherebbe ridurre le polveri sottili di cui parliamo ogni anno da novembre ad aprile. Ci farebbe vivere in un ambiente più sano e ridurrebbe la mortalità precoce dovuta alla cattiva qualità dell’aria, dagli 80.000 casi attuali a molto meno.

Quanto meno ? dipenderà da noi. Da quanti condomini risaneremo in modo efficace da oggi in poi.